FCrI e Treedom: le mazze da cricket italiane “diventano” alberi di cacao in Camerun

31 Marzo 2021 | News

Cricket mania: FCrI lancia il piano di responsabilità ambientale e sociale partendo dalla mazza. A gennaio la FCrI ha contribuito a piantare 200 alberi di Cacao in Camerun per restituire al pianeta l’ossigeno sottratto con la quantità di alberi tagliati per realizzare tutte le mazze da cricket presenti in Italia. Fabio Marabini, presidente della Federazione Cricket Italiana: “La battaglia contro i cambiamenti climatici riguarda tutti e anche noi vogliamo fare la nostra parte”.

Federcricket e Responsabilità Ambientale e Sociale: prima Federazione in Italia e prima in Europa tra le Federazioni Cricket, la FCrI ha deciso di promuovere un progetto di rimboschimento e riforestazione per compensare il costo ambientale della propria attività sportiva. Da quest’anno, infatti, le mazze le utilizzate dagli atleti nei match e in allenamento, grazie alla collaborazione con Treedom, piattaforma italiana che si occupa del rimboschimento in diverse aree del pianeta, diventano una foresta di piante di cacao in Camerun. Un gesto concreto di responsabilità ambientale e sociale che si inserisce nel palinsesto di attività di Cricket Mania, il piano di promozione e diffusione del Cricket sul territorio italiano.

L’iniziativa sta riscuotendo grande successo, visto che anche l’International Cricket Council sta guardando con interesse all’esperienza italiana. “A novembre, in occasione del Quarantesimo Anniversario della Federazione Cricket Italiana, abbiamo deciso di aggiungere un tassello ai nostri valori inserendo anche il rispetto e la protezione dell’ambiente, perché siamo consapevoli di quanto sia importante proteggere il nostro Pianeta e restituire ciò che prendiamo in prestito giocando con una mazza e una palla”, ha spiegato Fabio Marabini, presidente della Federazione Cricket Italiana.

La Federazione Cricket Italiana ha calcolato la quantità di legname utilizzato per realizzare il numero di mazze da cricket presenti in Italia, impegnandosi a riforestare il pianeta con una quantità di alberi superiori per contrastare le emissioni di CO2. Ma non solo. Ha deciso di riforestare un angolo di pianeta dove ce n’è più bisogno e dove i vantaggi non sono solo legati all’ambiente, ma anche alla microeconomia locale.

Il partner selezionato per questa iniziativa è Treedom. Una piattaforma che finanzia nel mondo i contadini che piantano alberi, sostenendo il loro lavoro nei primi anni, quando ancora gli alberi non sono produttivi, offrendo loro know-how e supporto tecnico e monitorandoli nel corso del tempo.

Volevamo fare qualche cosa di concreto. Anche se la nostra è una federazione relativamente piccola, seppur in crescita, siamo profondamente convinti che come ogni impresa, anche Federazione Cricket Italiana debba essere socialmente responsabile”, aggiunge, Gabriele Zanoli, che assieme al resto del Consiglio federale ha portato avanti il progetto. “E questo è solo l’inizio!” ci tiene a sottolineare.

Questa iniziativa si inserisce nel palinsesto di attività previste dal programma Cricket Mania, lanciato in occasione del Quarantesimo Anniversario della Federazione in Italia, che prevede tra le altre cose un progetto di promozione del Cricket nelle scuole che ha ricevuto il riconoscimento del Ministero dell’Istruzione.

Federazione Cricket Italiana: Fondata del 1980 e associata al CONI dal 1997, la Federazione Cricket Italiana conta oltre 50 club e 12.500 affiliati, con numeri in crescita nonostante la pandemia e si impegna quotidianamente per organizzare e promuovere nella Penisola la pratica del cricket. Nato in passato come Gentlemen game per eccellenza, è oggi il secondo sport al mondo, fondato su valori positivi e inclusivi come il rispetto dell’avversario e l’assoluto fair-play e ha saputo abbattere, in Italia e nel mondo, differenze di classe, genere, religione ed etnia.

Treedom: è la prima piattaforma web al mondo che permette di piantare un albero a distanza e seguire online la storia del progetto di cui fa parte. Dalla sua fondazione, avvenuta nel 2010 a Firenze, sono stati piantati più di 1.800.000 di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Tutti gli alberi vengono piantati direttamente da contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici. Grazie a tale business model, Treedom fa parte dal 2014 delle Certified B Corporations, il network di imprese che si contraddistinguono per elevate performance ambientali e sociali. Ogni albero di Treedom ha una pagina online, viene geolocalizzato e fotografato, può essere custodito o regalato virtualmente a terzi.