Una storia lunga secoli

Quadro in bianco e nero con partita a CricketLe origini del cricket sono sconosciute anche se sembra accertato che giochi simili all’attuale cricket fossero praticati in Inghilterra già a partire dal 1300, importati in quella regione da pastori fiamminghi.

Il cricket, sport anglosassone per eccellenza nasce tra il XIV ed il XV secolo nel sud dell’Inghilterra. È un tipico figlio dell’emergente classe borghese, fatto questo dimostrato dallo svolgimento delle prime partite fra squadre costituite dai guilds, l’equivalente delle corporazioni dantesche.

Durante il 1600 numerose fonti testimoniano la crescita della pratica di questo gioco nel sud est dell’Inghilterra e al termine del secolo già vengono registrate le prime partite con squadre organizzate.

Nel 1700 il gioco si sviluppò fino a diventare lo sport nazionale inglese e come tale si diffuse in tutto l’impero coloniale britannico.

Dal 1788 il Marylebone Cricket Club ha la responsabilità e il copyright sulle regole del gioco, the Laws of Cricket, che contengono il famoso preambolo sullo spirito del gioco e sul fair play
Nel 1844 si è giocato la prima partita tra Canada e USA, primo evento sportivo internazionale storicamente accertato.

Seppur su scala ridotta, il cricket ha iniziato a globalizzarsi dopo il secondo conflitto mondiale in coincidenza con la concessione dell’indipendenza ai Dominions.

Attualmente la geografia dei Full Members dell’International Cricket Council comprende dieci paesi dove si gioca il Test Cricket, la forma per antonomasia del gioco con partite della durata di 5 giorni. L’Asia è dominante con i quattro paesi del sub – continente (Bangladesh, India, Pakistan e Sri Lanka), seguita da Africa (Sud Africa e Zimbabwe) ed Oceania (Australia e Nuova Zelanda) con due, per finire con Europa (Inghilterra) ed America (Indie Occidentali) con uno.

Negli ultimi vent’anni sotto la spinta di due magnati televisivi australiani, dapprima Kerry Packer proprietario della rete terrestre Channel 9 e successivamente Rupert Murdoch padrone del colosso satelittare Sky, il cricket si è rivoluzionato trovando nel gioco ad over (serie di 6 lanci) limitati, la sua dimensione internazionale. Di questo nuovo cricket fa parte anche l’Italia, attualmente piazzata intorno alla ventesima posizione mondiale.